logo

Journal of Silviculture and Forest Ecology

 
Forest@ - Journal of Silviculture and Forest Ecology
vol. 9, pp. 185-197 (Jul 2012)

Research Articles

*Bird diversity in Turkey oak (Quercus cerris) coppices and transitory stands in the northern Apennines

G. Tellini Florenzano, T. Campedelli, S. Cutini, G. LondiCorresponding author

 

Abstract

In the last decades, socio-economical changes occurred in Italy have deeply affected woodland, particularly coppices. Although most of them, above all in public land, are being converted to high forests, in the last years coppices have been experiencing an increase in their use. The claimed need to reconcile silviculture and biodiversity conservation calls for a better understanding of the effects of coppice management practices on the different components of biodiversity. Using birds as environmental indicators, we studied differences in species composition and diversity of bird communities in coppices and “transitory stands” (ex-coppices recently converted in high stands) in the Alpe della Luna forest (Arezzo), in Tuscan Apennines. Relative frequency of each species and the mean abundance and richness at point level were compared among forest typologies. To test the effects of different management types on bird communities, descriptive models (GLM) have been applied using stand age and the amount of non-forest habitats as predictors. Our results show that 34.4% of the species (57.1% considering only forest species) are affected by the forest management type: 9 species (7 considering only forest species) were more common in transitory stands, while only two (of which one considered forest species) in coppices. Overall, richness is higher in transitory stands, where species of mature forests have been found; on the contrary, coppices did not host any open habitat species, as stated in other studies. Richness in forest species is positively related to stand age for both coppice and transitory stands; the amount of open habitats is positively correlated with number of open-habitat species, but it did not negatively affect richness in forest species that apparently did not suffer for any boundary effect.

Keywords: Birds, Coppice, Conversion into high forest, Turkey oak, GLM

Introduzione 

Il ceduo è un elemento importante del paesaggio forestale italiano: è governata a ceduo più della metà dei boschi italiani ([20]) e in alcune regioni, soprattutto dell’Italia centrale, la percentuale di boschi cedui sul totale della superficie forestale è molto più elevata (oltre l’85% in Toscana - [39]). I cambiamenti che hanno interessato il paesaggio dell’intero territorio nazionale ([26]) ed in particolare, nel breve e nel lungo periodo, i paesaggi montani ([71], [3]), hanno avuto importanti ripercussioni anche nelle forme di gestione degli ambienti forestali ([2]) e profonde trasformazioni hanno interessato anche i boschi cedui. I boschi cedui hanno raggiunto la massima estensione probabilmente all’inizio del ’900 ([1]) e nel corso dell’ultimo secolo in parte sono stati abbandonati, in parte sono stati interessati da interventi di avviamento all’alto fusto, e in parte invece sono ancora governati a ceduo. Anche in questi ultimi, comunque, una serie di modificazioni nel trattamento, che vanno dall’allungamento del turno all’abbandono dell’utilizzo multifunzionale (pascolo, produzione di assortimenti particolari), hanno determinato profondi cambiamenti nella struttura dei soprassuoli rispetto al passato ([54], [38]).

Ancora oggi comunque i cedui a regime sono, almeno in alcune regioni italiane, una importante realtà produttiva ([56], [25]) e anzi, di fronte a nuovi sviluppi di mercato ([52]), si sono anche registrate tendenze all’incremento nelle utilizzazioni ([30]). Nel frattempo si è molto accresciuta anche l’attenzione agli aspetti più strettamente naturalistici, e in generale la gestione del bosco ceduo rimane un argomento di importante attualità ([37]). La politica forestale degli ultimi decenni ha notevolmente incoraggiato la conversione dei cedui in fustaia, soprattutto nelle aree montane ([17]), ottenendo in termini di superficie risultati concreti in molte regioni: ad esempio, in Toscana le fustaie transitorie coprono superfici ormai molto estese ([39]) con una tendenza all’aumento confermata anche nell’ultimo decennio ([5]). Di fronte ad una realtà così estesa e ancora molto dinamica, e anche in considerazione di altri importanti fenomeni come i mutamenti climatici in atto ([28], [42]), le problematiche relative alla gestione di questi soprassuoli vanno inquadrate in un contesto ampio che tenga nella dovuta considerazione anche gli aspetti legati alla biodiversità, soprattutto all’interno delle aree protette ([16], [62]).

La ricerca sulla conversione dei cedui in fustaia, iniziata da alcuni decenni, ha affrontato soprattutto gli aspetti strutturali e produttivi, con una crescente attenzione pure alle più moderne questioni della sostenibilità e della biodiversità ([24], [17]). Molti studi riguardano in particolare la componente vegetale della biodiversità ([8], [45], [47]), mentre minor attenzione è stata riservata agli aspetti faunistici, e in particolare alla fauna vertebrata. L’interesse per quanto riguarda i rapporti con la fauna vertebrata si è tradizionalmente concentrato sugli ungulati selvatici, per i quali il governo a ceduo è in genere considerato positivamente, in quanto il bosco nei primi anni dopo il taglio è in grado di fornire alimento e rifugio per gli ungulati stessi ([13], [36]), sebbene il problema dei danni alla rinnovazione, che ha assunto importanza crescente anche in ambito appenninico ([50]), sia arrivato ad interessare in misura rilevante anche il bosco ceduo ([27]). Nonostante alcuni recenti studi sulla biodiversità nei cedui abbiano incluso anche la componente faunistica, o almeno una sua parte ([49]) e questa sia considerata, almeno nella teoria, un elemento importante nelle scelte di gestione ([43], [37]), i rapporti tra fauna e foreste sono stati in generale poco studiati in Italia dove esiste un gap di conoscenze solo in parte colmabile con studi svolti all’estero (ad es., [22]), in realtà dove il ceduo è in genere assente o ha un ruolo molto marginale, almeno in termini di estensione.

Un ruolo particolare tra le componenti della fauna vertebrata rivestono gli uccelli: la comunità ornitica mostra infatti una risposta alle trasformazioni degli ambienti forestali pronta e evidente: se cambia la struttura del bosco, cambia in maniera rapida e in genere molto chiara anche la comunità di uccelli che vi è ospitata ([40]). Anche in ambito appenninico è stata messa in evidenza una risposta molto chiara della comunità ornitica a mutamenti nella struttura del bosco, nel caso specifico quelli determinati dal generale invecchiamento dei soprassuoli ([66]), ed è verosimile che anche l’avviamento all’alto fusto dei cedui, negli stessi ambiti, possa comportare profonde modificazioni nella composizione e nella struttura delle comunità ornitiche. Comprendere l’entità e la qualità di questi cambiamenti, dato il possibile impiego degli uccelli come indicatori per il monitoraggio di alcuni aspetti riguardanti la biodiversità ([35]), sembra quindi di notevole importanza trattandosi di una dinamica, quella delle conversioni all’alto fusto, che riguarda estese superfici, soprattutto di boschi pubblici, il cui ruolo nella conservazione è ormai riconosciuto di primaria importanza ([16]).

Di fronte a questi elementi di potenziale interesse, le informazioni disponibili sugli effetti del trattamento dei cedui sull’avifauna sono ad oggi estremamente frammentarie e, laddove non sono limitate a dati di tipo aneddotico ([15], [44]), sembrano fornire indicazioni contrastanti o difficilmente interpretabili ([14], [60], [51], [49]), verosimilmente in funzione anche dei metodi di indagine utilizzati e delle diverse specificità dei contesti indagati.

Il territorio della Valtiberina toscana è interessato da grandi estensioni di cerrete ([7]), pressoché tutte ceduate nel recente passato e oggi in parte utilizzate a ceduo e in parte avviate all’alto fusto in anni recenti ([4]). L’area suddetta fornisce un’ottima situazione “sperimentale”: la compresenza di queste due forme di gestione, in ambienti tra loro simili per condizioni edafiche e climatiche e differenti solo nel regime proprietario (le conversioni all’alto fusto interessano quasi esclusivamente proprietà pubbliche), è ideale per indagare gli effetti della forma di utilizzazione sulle componenti del sistema, e in particolare sull’avifauna. Lo scopo di questo lavoro è di indagare possibili differenze tra le comunità di uccelli nidificanti nelle due forme attuali di utilizzazione della cerreta (ceduo in conversione e ceduo a regime). A tal fine si sono analizzate sia le variazioni a livello di composizione specifica, sia i mutamenti nella struttura e nella biodiversità tra le due “forme di utilizzazione”, tenendo conto anche del contesto paesaggistico nel quale si inseriscono le situazioni studiate.

Materiali e metodi 

Area di studio

Lo studio ha riguardato i boschi puri o a prevalenza di cerro (Quercus cerris L.) dell’Alpe della Luna, situati sia sul versante occidentale, sia su quello orientale del massiccio omonimo, nella Valtiberina toscana (provincia di Arezzo). I rilievi sono stati condotti sia nelle cerrete del Complesso Forestale “Alpe della Luna”, di proprietà della Regione Toscana e gestito dalla Comunità Montana della Valtiberina ([19]), sia nelle cerrete di proprietà privata limitrofe al complesso forestale stesso (Fig. 1). Il contesto è un paesaggio con una matrice decisamente forestale e ambienti non forestali frammentati e molto ridotti in estensione (Fig. 2).

Fig. 1 - Area di studio e localizzazione spaziale a scala di dettaglio dei 149 punti di censimento, suddivisi tra cedui a regime (in esercizio) e cedui in conversione.
 
Enlarge/Shrink Open in Viewer
Fig. 2 - Localizzazione spaziale a scala vasta dei 149 punti di censimento (vedi Fig. 1).
 
Enlarge/Shrink Open in Viewer

Le cerrete in conversione studiate sono tutte incluse nel Complesso Forestale “Alpe della Luna” e hanno una distribuzione in classi d’età che va dai 20 ai 45 anni, con una netta prevalenza dei soprassuoli delle classi 35 e 40 anni; il campione dei cedui a regime, quasi per intero ubicato nelle proprietà private limitrofe al complesso, comprende classi d’età dai 5 ai 30 anni (Fig. 3).

Fig. 3 - Distribuzione in classi d’età del bosco dei punti di censimento nei cedui in conversione e nei cedui a regime.
 
Enlarge/Shrink Open in Viewer

Raccolta e analisi dei dati

Il metodo utilizzato per il censimento dell’avifauna nidificante è quello delle stazioni puntiformi di ascolto ([11]), di durata 10 minuti; i rilievi sono stati eseguiti in giornate senza precipitazioni e con vento assente o debole (< 3 secondo la scala di Beaufort), nelle prime 3.5 ore dopo l’alba, dal 17 maggio al 21 giugno 2003. Tutte le stazioni di ascolto sono state georiferite e sono stati contati, in ciascuna di esse, tutti gli uccelli osservati e sentiti, escludendo soltanto quelli contattati a grande distanza (> 100 m), e le specie che si alimentano in ambiente aereo (Apodiformes e Hirundinidae).

Le stazioni di ascolto sono in totale 149, di cui 100 in cedui in conversione e 49 in cedui a regime, distanti tra loro almeno 200 m. Le stazioni dei due diversi gruppi (cedui in conversione e cedui a regime) sono distribuite in sistemi di paesaggio simili (quanto a dimensione delle patches e coefficiente di boscosità), così da minimizzare un eventuale effetto di altri parametri differenti da quelli determinati dalle due diverse forme di governo del bosco.

In prima istanza è stata confrontata la composizione specifica e la struttura dei popolamenti ornitici dei cedui in conversione e dei cedui in esercizio. Per la composizione specifica è stato utilizzato il test χ2 applicato alla frequenza relativa delle specie. Per quanto concerne la struttura, è stata analizzata la sola ricchezza, indice che funziona in genere molto bene almeno con gli uccelli ([23]). E’ stato considerato sia il numero complessivo di specie per punto, sia il numero di specie per punto appartenenti a tre raggruppamenti ecologici o guilds: specie forestali, specie non forestali e specie ubiquitarie, definiti in base alle conoscenze sull’ecologia degli uccelli in Appennino ([64]). Il gruppo delle specie forestali (F) comprende specie che si rinvengono generalmente esclusivamente in ambienti forestali; le specie non forestali (NB) sono quelle che non nidificano in ambienti formati da solo bosco, quelle ubiquitarie (UB) nidificano indifferentemente nel bosco e al di fuori di esso. Le due forme di gestione sono state confrontate mediante test parametrici (t di Student) e non parametici (U di Mann-Whitney), utilizzando questi ultimi dove le variabili non sono risultate normalmente distribuite (test di Kolmogorov-Smirnov) e la varianza non omogenea (test di Levene - cfr. [61], [72]). E’ stato inoltre considerato un indice di abbondanza utilizzando il numero complessivo di individui rilevati per punto, previa trasformazione in log[x+1] ([70]).

Allo scopo di verificare se le differenze nei parametri di struttura e abbondanza del popolamento ornitico tra i due tipi di bosco dipendessero anche da caratteristiche differenti del bosco e dalla sua collocazione nel paesaggio, sono stati elaborati alcuni modelli che includevano variabili in grado di descrivere anche questi aspetti. Sono stati applicati modelli GLM (Generalized Linear Models) che permettono di analizzare l’effetto di differenti variabili con una notevole elasticità e sono pertanto ampiamente impiegati nelle analisi ecologiche ([58]). E’ stata considerata una distribuzione poissoniana della variabile dipendente con una funzione link di tipo log, e scegliendo la migliore combinazione di variabili, cioè il modello migliore, in base al criterio di Akaike che permette di ottenere l’insieme di variabili di minor dimensione, mantenendo l’informazione contenuta nel modello ([48]). Le variabili considerate, calcolate per ciascuna stazione, sono: (i) l’età del soprassuolo, intrinseca al bosco; e (ii) la superficie di ambienti non forestali, riguardante il paesaggio in cui questo è inserito. L’età del soprassuolo, ricavata dal Piano di Gestione del Complesso Forestale “Alpe della Luna” per i cedui in conversione, rilevata direttamente per i cedui a regime, è misura diretta del grado di maturità del sistema, che condiziona in modo determinante struttura e composizione del popolamento di uccelli ([29], [40]). La superficie di ambienti non forestali, calcolata in due intorni circolari del punto (rispettivamente di 150 metri di raggio, pari a una superficie di 7.07 ha e 300 metri di raggio, pari a 28.27 ha), ha un effetto molto importante nel determinare la struttura e la composizione del popolamento di uccelli ([6], per l’Appennino [68]), soprattutto in paesaggi complessi come quelli mediterranei, dove molto strette sono le relazioni tra bosco ed altri elementi del paesaggio ([41]).

Risultati 

Le specie rinvenute in quest’indagine sono state in totale 38 (Tab. 1). Per quanto riguarda la composizione del popolamento, il confronto ha riguardato 32 specie, mentre per sei specie i valori di frequenza sono risultati troppo bassi per procedere alle analisi. Su 14 specie forestali per le quali è stato possibile fare il confronto, otto (57.1%) mostrano differenze significative tra le due forme di governo; sette di queste (colombaccio, picchio rosso maggiore, fiorrancino, cinciarella, picchio muratore, rampichino comune e fringuello) hanno frequenza maggiore nei cedui in conversione, mentre una sola (luì piccolo) risulta più presente nei cedui a regime. Tra le specie di ambienti non forestali (11 poste a confronto), una soltanto (9.1%), lo zigolo muciatto, mostra una differenza significativa con maggiore frequenza nei cedui a regime. Tra le specie ubiquitarie (sette poste a confronto), due (28.6%), capinera e cinciallegra, registrano differenze significative, entrambe più frequenti nei cedui in conversione. In totale, nove specie risultano più frequenti nei cedui in conversione, due nei cedui a regime. Pertanto, la forma di governo della cerreta influenza la presenza di 11 specie su 32 (34.4%), sebbene siano poche le specie presenti esclusivamente in una delle due tipologie: nessuna è risultata esclusiva dei cedui a regime, quattro specie invece (sparviero, luì verde, picchio rosso minore e codirosso comune) sono state rinvenute solo nei cedui in conversione. Tutte queste quattro specie sono state rilevate con frequenze molto basse anche se, considerando la loro ecologia in Appennino ([67], [46], [53]), è verosimile una effettiva selezione per i boschi di maggiore sviluppo.

Tab. 1 - Elenco delle specie ornitiche rilevate. Le specie sono state raggruppate in tre gruppi ecologici (guild): (F): specie forestali; (NF): specie non forestali; (UB): specie ubiquitarie. Per ciascuna specie sono fornite: abbondanza (n. individui rilevati/10 stazioni) nei due tipi di bosco (abbFU per i cedui in conversione; abbCE per i cedui a regime); frequenza relativa (% di punti con presenza della specie) nei due tipi di bosco (F_FU per i cedui in conversione; F_CE per i cedui a regime), ed esiti dei confronti tra le suddette frequenze, mediante il test . (***): p<0.001; (**): p<0.01; (*): p<0.05; (ns): non significativo.
Specie Nome scientifico guild abbFU abbCE F_FU F_CE Confronto
Sparviero Accipiter nisus F 0.2 - 2% - -
Colombaccio Columba palumbus F 3.6 0.82 34% 8% ***
Scricciolo Troglodydes troglodytes F 5.3 4.49 50% 39% ns
Pettirosso Erithacus rubecula F 11.7 12.45 80% 84% ns
Tordo bottaccio Turdus philomelos F 1.8 0.82 18% 8% ns
Lui’ bianco Phylloscopus bonelli F 2.3 3.06 22% 31% ns
Lui’ verde Phylloscopus sibilatrix F 0.7 - 7% - -
Lui’ piccolo Phylloscopus collybita F 6.9 15.51 56% 90% ***
Fiorrancino Regulus ignicapilla F 3 1.02 29% 10% *
Codibugnolo Aegithalos caudatus F 8.2 10.2 41% 49% ns
Cincia bigia Poecile palustris F 3.9 3.27 34% 31% ns
Cinciarella Cyanistes caeruleus F 11.5 3.67 78% 35% ***
Fringuello Fringilla coelebs F 13.3 2.04 78% 20% ***
Picchio rosso maggiore Dendrocopos major F 3 1.02 27% 10% *
Picchio rosso minore Dendrocopos minor F 0.6 - 6% - -
Picchio muratore Sitta europaea F 4.7 0.82 38% 8% ***
Rampichino comune Certhia brachydactyla F 4.6 0.82 43% 8% ***
Tortora selvatica Streptopelia turtur NF 2.2 2.65 21% 27% ns
Tottavilla Lullula arborea NF 2.6 3.67 22% 29% ns
Prispolone Anthus trivialis NF 0.5 0.41 5% 4% -
Ballerina bianca Motacilla alba NF 0.7 0.61 6% 6% ns
Codirosso Phoenicurus phoenicurus NF 0.2 - 2% - -
Sterpazzolina di Moltoni Sylvia subalpina NF 0.6 0.82 6% 8% ns
Rigogolo Oriolus oriolus NF 1.3 1.63 13% 16% ns
Storno Sturnus vulgaris NF 2.4 3.88 6% 6% -
Verzellino Serinus serinus NF 0.7 1.22 7% 10% ns
Verdone Carduelis chloris NF 1.3 1.22 12% 12% ns
Cardellino Carduelis carduelis NF 1 1.22 9% 8% ns
Fanello Carduelis cannabina NF 0.8 1.02 7% 8% ns
Zigolo nero Emberiza cirlus NF 1.1 1.84 11% 18% ns
Zigolo muciatto Emberiza cia NF 0.7 2.45 7% 24% **
Poiana Buteo buteo UB 0.6 0.82 6% 8% ns
Cuculo Cuculus canorus UB 3 3.88 29% 39% ns
Picchio verde Picus viridis UB 1.3 0.61 12% 6% ns
Merlo Turdus merula UB 8.6 11.63 65% 80% ns
Tordela Turdus viscivorus UB 2 1.63 19% 16% ns
Capinera Sylvia atricapilla UB 12.6 8.37 89% 67% **
Cinciallegra Parus major UB 7 4.29 58% 37% *
Enlarge/Shrink Open in Viewer

Per quanto riguarda la struttura dei popolamenti ornitici, ci sono differenze significative tra i due tipi di bosco per quasi tutti i parametri considerati (Tab. 2). Il popolamento nei cedui in conversione è significativamente più ricco considerando tutte le specie (ricchezza complessiva). In particolare è significativamente maggiore la ricchezza in specie forestali mentre la componente di specie non forestali non differisce tra le due forme di governo. Nei cedui in conversione anche l’abbondanza risulta significativamente maggiore rispetto ai cedui a regime.

Tab. 2 - Statistiche descrittive ed esiti dei confronti tra i due tipi di bosco per i principali parametri strutturali dei popolamenti ornitici. Per ricchezza complessiva e ricchezza in specie forestali sono presentate le medie e le deviazioni standard, per l’indice di abbondanza (numero di individui rilevati per punto) il confronto ha riguardato i valori trasformati in log[x+1] ([70]; [31]), ma vengono presentati medie e intervalli ± deviazione standard dopo trasformazione inversa. Per le ricchezza in specie non forestali, a causa della non normalità delle distribuzioni di frequenza, sono presentate le mediane (e l’intervallo interquartile del 50%). I primi tre confronti sono stati eseguiti mediante il test t (sui valori trasformati per l’indice di abbondanza), l’ultimo mediante il test U di Mann-Whitney.
Indice Cedui in conversione Cedui a regime Significatività
Ricchezza complessiva 10.6 (± 2.95) 8.61 (± 2.77) 0.000
Indice di abbondanza 14.2 (10.9-18.4) 11.8 (8.7-16.1) 0.001
Ricchezza in specie forestali 6.43 (± 1.97) 4.31 (± 1.43) 0.000
Ricchezza in specie non forestali 1 (0-2) 1 (0-2) 0.173
Enlarge/Shrink Open in Viewer

Nella Tab. 3 sono sinteticamente presentati i risultati dei modelli ecologici elaborati per verificare l’effetto di fattori differenti dalla forma di governo. I modelli elaborati per la ricchezza totale e per la ricchezza in specie forestali sono molto simili, se si eccettua l’effetto positivo della presenza di ambienti aperti, in questo caso entro un raggio di 150 metri, registrato solamente sul modello per il totale delle specie. In entrambi, l’effetto maggiore (positivo) è quello dell’età del bosco (popolamenti di uccelli più ricchi all’aumentare dell’età dei soprassuoli); l’effetto della tipologia di bosco “cedui in conversione” è negativo (cioè ci sono meno specie nei cedui in conversione rispetto ai cedui a regime), in apparente contrasto con i risultati dei confronti sui parametri di struttura, mentre la variabile composta “ceduo in conversione x età”, che entra nei modelli con un peso confrontabile rispetto a “cedui in conversione”, con effetto positivo, indica come all’aumentare dell’età i popolamenti più ricchi si trovano proprio nei cedui in conversione. Le Fig. 4 e Fig. 5 chiariscono l’effetto combinato di queste variabili evidenziando una ricchezza maggiore nei cedui a regime nella fascia di età compresa, indicativamente, tra i 20 e i 30 anni, quella cioè in cui sono rappresentate entrambe le tipologie di bosco ed è quindi possibile il confronto; la ricchezza aumenta in entrambi i casi all’aumentare dell’età ma lo fa in maniera decisamente maggiore nei cedui in conversione che arrivano poi ad ospitare popolamenti decisamente più ricchi.

Tab. 3 - Elenco delle variabili inserite nei quattro modelli ecologici realizzati per i parametri di struttura dei popolamenti ornitici. Per ciascun parametro è indicato il segno, positivo o negativo, dell’effetto, la statistica di Wald, indicativa dell’importanza relativa della variabile, e la significatività dell’effetto.
Variabile dipendente Parametro Effetto Stat. di Wald p
Ricchezza complessiva cedui in conversione negativo 8.081 0.004
età positivo 21.08 0.000
aree aperte entro 150 m positivo 30.80 0.000
cedui in conversione x età positivo 7.431 0.006
Indice di abbondanza cedui in conversione positivo 22.14 0.000
aree aperte entro 150 m positivo 57.43 0.000
Ricchezza in specie forestali cedui in conversione negativo 6.843 0.009
età positivo 28.38 0.000
cedui in conversione x età positivo 6.598 0.010
Ricchezza in specie non forestali aree aperte entro 150 m positivo 5.789 0.016
aree aperte entro 300 m positivo 8.645 0.003
Enlarge/Shrink Open in Viewer
Fig. 4 - Andamento della ricchezza totale prevista dal modello rispetto all’età del bosco nei cedui a regime e in quelli in conversione. Sono riportati gli intervalli di confidenza al 95%.
 
Enlarge/Shrink Open in Viewer
Fig. 5 - Andamento della ricchezza in specie forestali prevista dal modello rispetto all’età del bosco nei cedui a regime e in quelli in conversione. Sono riportati gli intervalli di confidenza al 95%.
 
Enlarge/Shrink Open in Viewer

La ricchezza in specie non forestali, come del resto era logico attendersi, risulta positivamente influenzata dalla presenza di ambienti aperti, considerando sia un raggio di 150 metri che di 300 metri. Il modello relativo all’abbondanza evidenzia invece un effetto positivo dei cedui in conversione e, ancora, della superficie di ambienti aperti in un intorno di 150 metri di raggio.

Discussione 

La struttura e la composizione del popolamento di uccelli nidificanti nelle cerrete sono risultate notevolmente differenti a seconda della forma di governo. In particolare, è evidente come i cedui in conversione ospitino popolamenti più ricchi e diversificati, sia che si prendano in considerazione tutte le specie di uccelli nidificanti, sia che si considerino solo le specie tipiche di ambienti forestali (Tab. 2). Tra queste ultime, una sola (luì piccolo) risulta più abbondante nei cedui a regime, mentre ben sette sono più frequenti nei cedui in conversione. La differenza tra i cedui in conversione e i cedui a regime che, in termini di composizione specifica si riassume in una maggior presenza di specie tipiche dell’ambiente forestale, non avviene comunque a scapito di altre specie (con l’eccezione del luì piccolo e, tra le specie non forestali dello zigolo muciatto), ma è un vero e proprio arricchimento determinato verosimilmente dal maggiore numero di nicchie ecologiche disponibili e, forse, anche da una maggiore stabilità del sistema. La tendenza ad ospitare comunità tanto più ricche e diversificate quanto più il bosco è maturo è del resto uno degli assunti classici dell’ecologia dei popolamenti di uccelli forestali ([29], [23]), che ha trovato anche conferma nelle recenti trasformazioni dei boschi in ambito appenninico ([66]). I risultati di questo studio dimostrano che anche boschi che si trovano ancora in una fase relativamente giovanile, come i cedui in conversione di questo studio di età sempre inferiore ai 50 anni (le fustaie di cerro sono considerate mature in senso selvicolturale a 100-120 anni e in senso biologico a età molto più avanzate - [10]), hanno comunque comunità ornitiche più ricche e diversificate rispetto a sistemi meno evoluti come sono i cedui a regime (Tab. 2). A conferma della maggiore complessità delle comunità di uccelli dei cedui in conversione si pone anche il fatto che le specie che si nutrono sui tronchi e nidificano in cavità (picchio rosso maggiore, picchio muratore, rampichino comune), tipiche e caratterizzanti anche nell’Appennino dei boschi maturi ([64], [66]), risultano in questo studio quasi assenti o marginalmente presenti nei cedui a regime, ma sono invece una componente significativa del popolamento nei cedui in conversione. A questo si può aggiungere anche la presenza del picchio rosso minore, anch’esso considerato specie forestale molto esigente ([65]), esclusiva dei cedui in conversione, dov’è stato rilevato con frequenze basse ma significative, data la sua relativa rarità ([12]).

La ricchezza del popolamento ornitico aumenta comunque all’aumentare dell’età anche nei cedui a regime, come rilevato anche in cedui di querce di altre aree della Toscana ([49]). I modelli evidenziano addirittura una maggiore ricchezza nei cedui a regime rispetto ai cedui in conversione nella fascia di età compresa indicativamente tra i 20 e i 30 anni, ovvero quella in cui compaiono entrambe le tipologie di bosco ed è quindi possibile il confronto (Fig. 4 e Fig. 5). Questa situazione deriva dal fatto che proprio in questa fascia di età i cedui a regime sono al termine del loro turno, e quindi indisturbati da molti anni, mentre i cedui in conversione hanno da poco subìto i tagli di avviamento che costituiscono evidentemente un fattore di disturbo. D’altro canto, tale disturbo si esaurisce nel giro di pochi anni, con la ricchezza che aumenta rapidamente fino a valori molto superiori a quelli raggiunti dai cedui a regime, anche al termine del turno. Le differenze tra le due forme di governo, al crescere dell’età dei cedui in conversione, sono quindi prevedibilmente destinate ad un notevole incremento.

Anche l’habitat, in particolare la presenza di ambienti non forestali in aree adiacenti, ha un effetto sulla ricchezza complessiva e anche sull’abbondanza. Tali parametri infatti risultano positivamente influenzati dalla compresenza in aree limitrofe di ambienti aperti ad una scala piuttosto ridotta (entro un raggio di 150 metri): come atteso, questo incremento riguarda in particolare le specie non forestali (Tab. 2), a conferma di quanto già riportato sempre sull’Appennino anche per altri tipi di bosco ([68]). Il dato più interessante in questo senso è però l’assenza di un effetto negativo degli ambienti non forestali (cioè della frammentazione del bosco) sulla presenza delle specie forestali, che sembra pertanto indipendente dall’estensione del bosco stesso. Questo dato, che contrasta nettamente con quanto noto sugli effetti della frammentazione del bosco in paesaggi caratterizzati da una boscosità residuale ([6]) e verificato anche in alcuni casi nell’Italia centrale ([9]), è invece in linea con quanto trovato in aree ad elevata boscosità ([59]), come ad esempio le colline della Toscana occidentale ([69]). Tale evidenza indica chiaramente l’importanza positiva (e solo positiva in termini di biodiversità, almeno di biodiversità ornitica) delle interruzioni nel manto forestale, che aumentando le nicchie disponibili favoriscono la presenza di specie di ambienti non forestali, ma allo stesso tempo non riducono la presenza di specie spiccatamente forestali.

Pare invece molto ridotta nell’area di studio l’importanza del ceduo a regime per il mantenimento di specie di uccelli non forestali, che sarebbero in grado di utilizzare le prime fasi seguenti il taglio periodico, come è ben documentato in altri contesti ([34], [32]), ma solamente supposto in ambienti mediterranei. Tra le specie di ambienti non forestali infatti, il solo zigolo muciatto sembra preferire i cedui a regime. Alcune osservazioni raccolte anche in altri contesti geografici ([67]) sembrano effettivamente dimostrare che in alcuni casi questa specie sia in grado di colonizzare i cedui durante le prime fasi seguenti l’utilizzazione. Se si considera che lo zigolo muciatto costruisce il nido a terra, in situazioni caratterizzate da una densa copertura erbacea, e che la sua alimentazione è costituita soprattutto da semi di Gramineae, si può supporre che la colonizzazione del ceduo sia subordinata alla presenza e allo sviluppo di un denso strato erbaceo, come ad esempio avviene nei cedui posti nelle stazioni più acclivi e meno fertili. Sebbene non siano state raccolte informazioni dettagliate sulla struttura del sottobosco nei siti indagati, anche nell’Alpe della Luna la specie frequenta proprio i cedui a regime (ma talvolta anche i cedui in conversione) situati nelle stazioni aventi queste caratteristiche.

I risultati di questo studio sembrano quindi indicare che, per quanto riguarda gli uccelli, per lo meno con le attuali forme di utilizzazione, i cedui a regime non siano affatto in grado di surrogare la scomparsa o il deterioramento degli ambienti non forestali, risultando idonei, a fronte di una decisa e inequivocabile ricchezza che caratterizza i popolamenti degli ambienti aperti dell’area studiata ([21]), al solo zigolo muciatto. E’ possibile che questa situazione non possa essere generalizzata, né a paesaggi ove il bosco occupa una parte minore del territorio, né a situazioni o epoche nelle quali l’uso multifunzionale del bosco e del paesaggio risultava più articolato. Quanto al primo punto, infatti, sebbene manchino specifici studi al riguardo, la presenza regolare di specie di arbusteto come l’usignolo (Luscinia megarhynchos) in boschi situati in paesaggi collinari dove la frammentazione del bosco è accentuata ([63]), sembra indirettamente confermare che in queste situazioni, il bosco può ospitare regolarmente specie di arbusteto, generalmente migratrici trans-sahariane, analogamente a quanto verificato in Gran Bretagna ([33]). Se poi, in questi contesti, la forma di utilizzazione del bosco abbia importanza decisiva nel regolare la presenza di queste specie, è un’ipotesi che rimane da dimostrare. Ancora più complessa appare l’analisi della situazione in epoche e contesti distanti nel tempo. E’ noto comunque che ancora oggi in aree europee dove l’uso multifunzionale del territorio è ancora attivo, i paesaggi sono in grado di ospitare popolamenti di uccelli straordinariamente ricchi di specie, sia forestali che non forestali ([57]). E’ verosimile che cedui a turno più frequente, inframmezzati da coltivazioni effimere e più o meno regolarmente pascolati, come dovevano essere in passato quelli dell’Appennino ([55], [71]), offrissero possibilità assai maggiori delle attuali alla colonizzazione di specie di uccelli non forestali. Indirettamente questa possibilitàè dimostrata dalle raccomandazioni ad adottare un turno relativamente breve ed ininterrotto per la conservazione della biodiversità nei cedui inglesi, sia per quanto concerne gli uccelli, ma soprattutto per la conservazione di emergenze floristiche ([33]).

Conclusioni 

I risultati dell’indagine indicano chiaramente che, con le attuali forme di utilizzazione (turni lunghi ed assenza di uso multifunzionale del bosco), i cedui a regime hanno una minore capacità rispetto ai cedui in conversione di sostenere popolamenti di uccelli ricchi e diversificati (sia quanto a struttura e abbondanza, sia quanto a composizione specifica), almeno per quanto riguarda le cerrete in paesaggi caratterizzati da una elevata boscosità. Allo stesso tempo, i cedui a regime, con le modalità con cui sono oggi utilizzati, non paiono in grado di surrogare gli ambienti non forestali (pascoli, coltivi e arbusteti) come habitat per specie caratteristiche di questi ultimi. La presenza di specie non forestali è consentita, con una sola eccezione, solo dalla presenza di ambienti non forestali, la cui importanza in termini di contributo alla biodiversitàè quindi decisiva. In contesti come quello oggetto di studio, dove c’è una netta prevalenza del bosco, le specie non forestali non hanno comunque influenza negativa sulle specie forestali, nemmeno su quelle in altri contesti considerate più esigenti (interior species).

E’ interesse notare come, confrontando i cedui a regime al termine del turno di taglio con quelli in conversione che hanno da poco subito i tagli di avviamento, i primi ospitino un numero effettivamente maggiore di specie. Questa situazione, destinata come riportato sopra a mutare già dopo pochi anni, dovrebbe essere attentamente considerata quando si vuole confrontare l’effetto di differenti forme di gestione forestale sulla biodiversità; un disegno sperimentale che non tenesse conto di tali aspetti porterebbe evidentemente a conclusioni fuorvianti.

Data la valenza degli uccelli come indicatori ambientali e vista la loro sperimentata efficacia in questo senso in ambienti forestali ([35], [66]), queste conclusioni offrono utili indicazioni anche per una gestione dei boschi attenta alla conservazione della biodiversità. Sarebbe quindi auspicabile promuovere una conversione di boschi cedui in fustaie, almeno dove i primi risultano prevalenti, a conferma degli orientamenti generali per la selvicoltura nelle aree protette ([18]).

In conclusione, in paesaggi caratterizzati da una copertura forestale continua ed estesa, è solo attraverso la promozione di una selvicoltura che tenda a elevare il grado di diversità strutturale dei soprassuoli che si può mantenere livelli elevati di biodiversità.

Bibliografia

(1)
Agnoletti M (2002). Bosco ceduo e paesaggio: processi generali e fattori locali. In: “Il bosco ceduo in Italia” (Ciancio O, Nocentini S eds). Accademia Italiana di Scienze Forestali, Firenze, Ipp. 21-62.
::Google Scholar::
(2)
Agnoletti M (2003). Note sui principali mutamenti avvenuti negli ecosistemi forestali italiani dall’unità ad oggi. In: SISEF Atti III “Alberi e foreste per il nuovo millennio” (De Angelis P, Macuz A, Bucci G, Scarascia Mugnozza G eds). Rifreddo (PZ) 7-10 ottobre 2003, pp. 127-132.
::Google Scholar::
(3)
Agnoletti M (2007). Il parco del paesaggio rurale appenninico di Moscheta. Comunità Montana del Mugello, Pacini editore, Pisa, pp. 127.
::Google Scholar::
(4)
Amorini E (1992). Evoluzione della struttura, della composizione specifica e della biometria in una cerreta mista di origine cedua, in funzione del trattamento. Annali dell’Istituto Sperimentale per la Selvicoltura di Arezzo 23: 7-40.
::Google Scholar::
(5)
Amorini E (2008). Gestione delle foreste toscane pubbliche e private. In: “Rapporto sullo stato delle foreste in Toscana 2008”. Regione Toscana, Arsia, Firenze, pp. 97.
::Google Scholar::
(6)
Andren H (1994). Effects of habitat fragmentation on birds and mammals in landscapes with different proportions of suitable habitat: a review. Oikos 71: 355-366.
::CrossRef::Google Scholar::
(7)
Arrigoni PV, Menicagli E (1998). Carta della vegetazione forestale (scala 1:250.000). Boschi e macchie di Toscana, Regione Toscana, Giunta Regionale, S.E.L.CA., Firenze.
::Google Scholar::
(8)
Baragatti E, Frati L, Chiarucci A (2006). Cambiamenti nella diversità della vegetazione in seguito a diversi tipi di matricinatura in boschi di cerro. Annali dell’Istituto Sperimentale per la Selvicoltura 33: 39-50.
::Google Scholar::
(9)
Battisti C (2004). Frammentazione ambientale, connettività, reti ecologiche. Un contributo teorico e metodologico con particolare riferimento alla fauna selvatica. Assessorato alle politiche agricole, ambientali e Protezione civile, Provincia di Roma, Ed. Stilgrafica, Roma, pp. 246.
::Google Scholar::
(10)
Bernetti G (1995). Selvicoltura speciale. UTET, Torino, pp. 416.
::Google Scholar::
(11)
Bibby CJ, Burgess ND, Hill DA, Mustoe SH (2000). Bird census techniques (2 edition). Academic Press, London, UK, pp. 302.
::Google Scholar::
(12)
Brichetti P, Fracasso G (2007). Ornitologia italiana, vol. 4. Apodidae-Prunellidae. Oasi Alberto Perdisa, Bologna, pp. 441.
::Google Scholar::
(13)
Casanova P, Memoli A (2002). Problematiche legate alla presenza di ungulati in alcune fitocenosi della Toscana. In: “Il bosco ceduo in Italia” (Ciancio O, Nocentini S eds). Accademia Italiana di Scienze Forestali, Firenze, pp. 397-412.
::Google Scholar::
(14)
Casanova P, Zalli P (1995). Preferenze ambientali di alcune specie di uccelli nidificanti in provincia di Firenze. Monti e Boschi 5: 25-30.
::Google Scholar::
(15)
Chiavetta M (1983). Il bosco dell’Appennino e la sua avifauna. Monti e Boschi 4 (schede I-VIII).
::Google Scholar::
(16)
Ciancio O (2004). Linee guida per la gestione silvopastorale nei Parchi Nazionali. In: Atti del Convegno “La conoscenza botanica e zoologica in Italia: dagli inventari al monitoraggio” (Blasi C, D’Antoni S, Dupré E, La Posta A eds). Univ. La Sapienza (Roma) 14 dicembre 2001. Quad. Cons. Nat. 18, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica, Ozzano Emilia, Bologna, pp. 181-189.
::Google Scholar::
(17)
Ciancio O, Corona P, Lamonaca A, Portoghesi L, Travaglini D (2006). Conversion of clearcut beech coppices into high forests with continuous cover: A case study in central Italy. Forest Ecology and Management 224: 235-240.
::CrossRef::Google Scholar::
(18)
Ciancio O, Corona P, Marchetti M, Nocentini S (2002). Linee guida per la gestione sostenibile delle risorse forestali e pastorali nei Parchi Nazionali. Accademia Italiana di Scienze Forestali, Tipografia Coppini, Firenze, pp. 300.
::Google Scholar::
(19)
Ciucchi B, Vignozzi G, Giurlani O, Pierozzi M (2004). Boschi di Toscana. Guida al patrimonio agricolo-forestale della Regione. Regione Toscana, UNCEM Toscana, Pisa, pp. 67-69.
::Google Scholar::
(20)
Corona P, Chirici G, Vannuccini M (2002). Contributo conoscitivo sugli aspetti dendrometrici, auxometrici e gestionali dei cedui italiani. In: “Il bosco ceduo in Italia” (Ciancio O, Nocentini S eds). Accademia Italiana di Scienze Forestali, Firenze, pp. 75-124.
::Google Scholar::
(21)
Dall’Antonia P, Giunti D (2002). Tutela della biodiversità nella Valtiberina toscana. Piccola guida degli ambienti, della flora e della fauna. Progetto Life Natura, Comunità montana della Valtiberna toscana, Provincia di Arezzo, pp. 48.
::Google Scholar::
(22)
De Graaf RM, Miller RI (1996). Conservation of faunal diversity in forested landscapes. Chapman & Hall, London, UK, pp. 633.
::Google Scholar::
(23)
Erdelen M (1984). Bird communities and vegetation structure: I. Correlation and comparison of simple and diversity indices. Oecologia 61: 277-284.
::CrossRef::Google Scholar::
(24)
Fabbio G (2006). Selvicoltura sostenibile nei boschi cedui. Progetto Arsia-Regione Toscana. Annali dell’Istituto Sperimentale per la Selvicoltura, Numero speciale, anni 2002-2004, Arezzo, pp. 255.
::Google Scholar::
(25)
Fagarazzi C, Fabbri LC, Fratini R, Riccioli F (2006). Sostenibilità economica delle utilizzazioni dei boschi cedui di quercia nel territorio toscano. Annali dell’Istituto Sperimentale per la Selvicoltura 33: 63-76.
::Google Scholar::
(26)
Falcucci A, Maiorano L, Boitani L (2007). Changes in land-use/land-cover patterns in Italy and their implications for biodiversity conservation. Landscape Ecology 22 (4): 617-631.
::CrossRef::Google Scholar::
(27)
Fantoni I (2010). Il Casentino degli ungulati. Sherwood 160: 21-26.
::Google Scholar::
(28)
Farrell EP, Fuehrer E, Ryan D, Andersson F, Huettl R, Piussi P (2000). European forest ecosystems: building the future on the legacy of the past. Forest Ecology and Management 132: 5-20.
::CrossRef::Google Scholar::
(29)
Ferry C, Frochot B (1970). L’avifaune nidificatrice d’une fort de chnes peduncolés en Bourgogne: étude de deux successions écologiques. Terre Vie 2: 153-250.
::Google Scholar::
(30)
Fontana Q (2001). Il caso dei boschi cedui senesi. In: Atti del Convegno “La questione forestale in Toscana” (Faini A ed). Accademia dei Fisiocritici (Siena), 27 novembre 1999. ARSIA, Firenze, pp. 43-60.
::Google Scholar::
(31)
Fowler J, Cohen L (2002). Statistica per ornitologi e naturalisti. Franco Muzzio Editore, Roma, pp. 240.
::Google Scholar::
(32)
Fuller RJ (1992). Effects of coppice management on woodland breeding birds. In: “Ecology and management of coppice woodlands” (Buckley GP ed). Chapman & Hall, London, UK, pp. 169-192.
::Google Scholar::
(33)
Fuller RJ, Peterken GF (1995). Woodland and scrub. In: “Managing habitats for conservation” (Sutherland WJ, Hill DA eds). Cambridge University Press, Cambridge, UK, pp. 327-361.
::Google Scholar::
(34)
Fuller RJ, Stuttard P, Ray CM (1989). The distribution of breeding songbirds within mixed coppiced woodland in Kent, England, in relation to vegetation age and structure. Annales Zoologici Fennici 26: 265-275.
::Online::Google Scholar::
(35)
Furness RW, Greenwood JJD (1993). Birds as monitors of environmental change. Chapman & Hall, London, UK, pp. 288.
::Google Scholar::
(36)
Giovannini G, Chines A, Gandolfo G (2003). Danni da ungulati selvatici in boschi cedui. Effetti delle modalità di utilizzazione forestale. Sherwood 85: 9-16.
::Google Scholar::
(37)
Giunti M (2011). Il ceduo in Toscana: alcune riflessioni sul rapporto tra gestione forestale e risorse naturalistiche. Forest@ 18: 60-70.
::CrossRef::Google Scholar::
(38)
Hippoliti G (2001). Sul governo a ceduo in Italia. In: “Storia e risorse forestali” (Agnoletti M ed). Accademia Italiana di Scienze Forestali, Firenze, pp. 374.
::Google Scholar::
(39)
Hofmann A, Goretti D, Merendi GA, Tabacchi G, Vignoli M, Bernetti G (1998). L’inventario forestale. Serie Boschi e macchie di Toscana 3, Regione Toscana, Giunta Regionale, Firenze, pp. 219.
::Google Scholar::
(40)
Keast A (1990). Biogeography and ecology of forest bird communities. SPB Academic Publishing bv, The Hague, The Netherlands, pp. 410.
::Google Scholar::
(41)
Larsson TB (2001). Biodiversity evaluation tools for European forests. Ecological Bullettins 50: 237.
::Google Scholar::
(42)
Luisi N, Lerario P (2000). Silvicultural practices for oak decline control. In: “Decline of oak species in Italy. Problems and pespectives” (Ragazzi A, Dellavalle I, Morrica S, Capretti P, Raddi P eds). Accademia Italiana di Scienze Forestali, Firenze, pp. 145-155.
::Google Scholar::
(43)
Mairota P, Tellini Florenzano G, Piussi P (2006). Gestione del bosco e conservazione della biodiversità: l’analisi eco-paesistica applicata a territori boscati della Toscana meridionale. Annali dell’Istituto Sperimentale per la Selvicoltura 33: 187-244.
::Google Scholar::
(44)
Mancini E, Mancini F (2002). Cedui “invecchiati” e biodiversità: alcune osservazioni in Chianti. In: “Il bosco ceduo in Italia” (Ciancio O, Nocentini S eds). Accademia Italiana di Scienze Forestali, Firenze, pp. 293-303.
::Google Scholar::
(45)
Manetti MC, Gugliotta OI (2006). Effetti del trattamento di avviamento ad alto fusto sulla diversità specifica e strutturale delle speci legnose in un ceduo di cerro. Annali dell’Istituto Sperimentale per la Selvicoltura 33: 105-114.
::Google Scholar::
(46)
Masci A, Papi R, Scarascia Mugnozza G (1999). Struttura selvicolturale di faggete appenniniche e rapporti con la biodiversità. In: “Ecologia strutturale e funzionale di faggete italiane” (Scarascia Mugnozza G ed). Edagricole, Bologna, pp. 201-220, 355-357.
::Google Scholar::
(47)
Mattioli W, Pinelli A, Filibeck G, Portoghesi L, Scoppola A, Corona P (2008). Relazioni tra gestione selvicolturale, tipo forestale e diversità floristica in cedui castanili. Forest@ 5: 136-150.
::CrossRef::Google Scholar::
(48)
McQuarrie ADR, Tsai CL (1998). Regression and time series model selection. World Scientific Publishing Company, Singapore, pp. 455.
::CrossRef::Google Scholar::
(49)
Melini D (2006). Gestione forestale e biodiversità: i cedui di cerro della Toscana meridionale. L’Italia Forestale e Montana 4: 251-273.
::CrossRef::Google Scholar::
(50)
Nicoloso S, Bresciani A, Borchi S, Fantoni I, Chioccioli P (2008). Impatto degli ungulati negli ecosistemi forestali. Alberi e Territorio 2: 24-30.
::Google Scholar::
(51)
Papi R (2003). Effetti degli interventi selvicolturali sulla comunità ornitica di un’area protetta del Lazio (Riserva Naturale Monte Rufeno). In: SISEF Atti III “Alberi e foreste per il nuovo millennio” (De Angelis P, Macuz A, Bucci G, Scarascia Mugnozza G eds). Rifreddo (PZ), 7-10 ottobre 2003, pp. 43-46.
::Google Scholar::
(52)
Pettenella D (2002). Fattori di inerzia nelle forme di gestione e nuovi sviluppi del mercato per i boschi cedui. In: “Il bosco ceduo in Italia” (Ciancio O, Nocentini S eds). Accademia Italiana di Scienze Forestali, Firenze, pp. 539-560.
::Google Scholar::
(53)
Pinchera F, Pellegrini M (1999). Spaziatura e densità dei siti di riproduzione di Picinae in due aree dell’Appenino Centrale. Rivista Italiana di Ornitologia 69 (1): 105-113.
::Google Scholar::
(54)
Piussi P (1981). Il trattamento a ceduo di alcuni boschi toscani dal XVI al XX secolo. Dendronatura 2: 8-15.
::Google Scholar::
(55)
Pontecorvo G (1932). Le condizioni dell’economia rurale nell’Appennino toscano, Pratomagno e Appennino casentinese. Accademia dei Georgofili di Firenze, Tipografia Mariano Ricci, Firenze, pp. 285.
::Google Scholar::
(56)
Portoghesi L (2002). Uso del legno a fini energetici: un rischio o un’opportunità per il ceduo? In: “Il bosco ceduo in Italia” (Ciancio O, Nocentini S eds). Accademia Italiana di Scienze Forestali, Firenze, pp. 521-537.
::Google Scholar::
(57)
Purschke C, Angelstam P (2002). Birds in the transition between pasture and forest: A comparison of ancient and modern landscapes. In: Proceedings of the 2002 Annual IALE (UK) Conference “Avian Landscape Ecology. Pure and applied issues in the large-scale ecology of birds.” (Chamberlain D, Wilson A eds). University of East Anglia (UK), 10-13 september 2002. BTO, IALE, Garstang, UK, pp. 158-159.
::Google Scholar::
(58)
Rushton SP, Ormerod SJ, Kerby G (2004). New paradigms for modelling species distributions? Journal of Applied Ecology 41: 193-200.
::CrossRef::Google Scholar::
(59)
Sallabanks R (2002). Effects of forest fragmentation on breeding bird populations: conflicting views from North America. In: Proceedings of the 2002 Annual IALE (UK) Conference “Avian landscape ecology. Pure and applied issues in the large-scale ecology of birds.” (Chamberlain D, Wilson A eds). University of East Anglia (UK) 10-13 september 2002. BTO, IALE, Garstang, UK, pp. 3-14.
::Google Scholar::
(60)
Savini P, Frattegiani M, Iorio G (2002). Gestione sostenibile e multifunzionale dei boschi cedui: il progetto Summacop. Esperienze, attività e risultati. Regione dell’Umbria, Perugia, pp. 27-81.
::Google Scholar::
(61)
Scossiroli RE, Clementel S, Scossiroli S (1974). Metodi statistici per l’ecologia. Analisi delle distribuzioni di frequenza. Zanichelli, Bologna, pp. 218.
::Google Scholar::
(62)
Sindaco R, Terzuolo PG, Savoldelli P (2005). La Rete Natura 2000. Caratteristiche e problematiche degli habitat forestali italiani. Sherwood 113: 5-12.
::Google Scholar::
(63)
Sposimo P (1988). Comunità ornitiche nidificanti sui Monti della Calvana (FI). Quaderni del Museo di Storia Naturale Livorno 9: 105-129.
::Google Scholar::
(64)
Tellini Florenzano G (1999). Gli uccelli delle Foreste Casentinesi. Monitoraggio degli uccelli nidificanti (1992-1997). Studio della migrazione autunnale (1994-1997). Regione Toscana, Giunta Regionale, Firenze, pp. 83.
::Google Scholar::
(65)
Tellini Florenzano G (2003). Gli alberi morti e deperienti per gli uccelli: note generali e spunti per le Foreste Casentinesi. In: “Dagli alberi morti… la vita della foresta. La conservazione della biodiversità forestale legata al legno morto” (De Curtis O ed). Atti del Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna, Arezzo, pp. 34-39.
::Google Scholar::
(66)
Tellini Florenzano G (2004). Birds as indicators of recent environmental changes in the Apennines (Foreste Casentinesi National Park, central Italy). Italian Journal of Zoology 71: 317-324.
::CrossRef::Google Scholar::
(67)
Tellini Florenzano G, Arcamone E, Baccetti N, Meschini E, Sposimo P (1997). Atlante degli uccelli nidificanti e svernanti in Toscana. 1982-1992. Quad. Mus. Stor. Nat. Livorno, Monografie I, pp. 414.
::Google Scholar::
(68)
Tellini Florenzano G, Guidi C, Di Stefano V, Mini L, Londi G, Campedelli T (2006). Effetto dell’ambiente a scala di habitat e di paesaggio su struttura e composizione della comunità ornitica delle abetine casentinesi (Appennino Settentrionale). Rivista Italiana di Ornitologia 76 (1): 151-166.
::Google Scholar::
(69)
Tellini Florenzano G, Londi G, Mini L, Tiberi R, Campedelli T (2009). Frammentazione delle foreste mediterranee e biodiversità: due casi di studio in Italia centrale. In: Atti del “Terzo Congresso Nazionale di Selvicoltura”, Volume I (Ciancio O ed). Taormina (ME), 16-19 ottobre 2008. Accademia Italiana di Scienze Forestali, pp. 295-299.
::Google Scholar::
(70)
Thompson WL, Gowan C, White GC (1998). Monitoring vertebrate populations. Academic Press, London, UK, pp. 365.
::Google Scholar::
(71)
Vos W, Stortelder A (1992). Vanishing tuscan landscapes. Landscape ecology of a submediterranean-montane area (Solano Basin, Tuscany, Italy). Pudoc Scientific Publishers, Wageningen, The Netherland, pp.404.
::Google Scholar::
(72)
Waite S (2000). Statistical ecology in practice. A guide to analysing environmental and ecological field data. Prentice & Hall, Harlow, UK, pp. 414.
::Google Scholar::

Authors’ Address

(1)
G. Tellini Florenzano, T. Campedelli, S. Cutini, G. Londi
DREAM Italia, v. Garibaldi 3, I-52015 Pratovecchio (Arezzo - Italy)

Corresponding Author

 

Paper Info & Web Metrics

Citation:
Tellini Florenzano G, Campedelli T, Cutini S, Londi G (2012). Diversità ornitica nei cedui di cerro utilizzati e in conversione: un confronto nell’Appennino settentrionale. Forest@ 9: 185-197. - doi: 10.3832/efor0697-009

Academic Editor: Marco Borghetti

Paper’s History

Received: Jan 09, 2012
Accepted: Jun 22, 2012
Early Published: -
Publishing Date: Jul 23, 2012

(Waiting for server response...)

Article Usage

Total Article Views: 11964
(from publication date up to now)

Breakdown by View Type
HTML Page Views: 8181
Abstract Page Views: 69
PDF Downloads: 2885
Citation Downloads: 3
XML Downloads: 826

Web Metrics
Days since publication: 2673
Overall contacts: 11964
Avg. contacts per week: 31.33

 

Paper Tables

Cited by

 
Close

 

 
´
Licenza Creative Commons
© SISEF - All the material included on this site is distributed under the license Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International.
 
© 2004-2018 SISEF
Editor-in-chief : Marco Borghetti (UNIBAS, Italy)
Web Manager: Gabriele Bucci (IBBR-FI/CNR, Italy)
Reg. Trib. PR no. 16/2004 - ISSN 1824-0119 
Close

Contents